feed rss ACI - le altre notizie
Le altre notizie


  • «Ius Culturae», chi sa e vede comprende e approva

    Ruolo di «Avvenire» e impegno dell’Azione Cattolica

    di Matteo Truffelli*- Caro direttore, desidero ringraziarti per la significativa ed efficace campagna di informazione che Avvenire ha condotto in questi mesi in merito al dibattito sullo ius culturae. La carrellata di volti, nomi, storie e speranze con cui quotidianamente i lettori del giornale hanno potuto confrontarsi, e a cui giustamente avete scelto di dedicare l’intera prima pagina dell’edizione domenicale, ha rappresentato, innanzitutto, un esempio di buon giornalismo. Un contributo serio e circostanziato alla formazione di un’opinione pubblica libera e informata. Non è poco. (Continua)

    leggi tutto



  • L’Italia del futuro ha bisogno dei cattolici, peccato che…

    “Conversazioni a Spello”. L’intervento di Ferruccio de Bortoli

    “Senza una discussione meno formale e più approfondita di quello che è accaduto in questi ultimi anni, il mondo cattolico dimostra nei fatti di subire, anziché contribuire a formare secondo gli insegnamenti evangelici, i provvedimenti che una società moderna non può non affrontare”. È un passaggio dell’intervento su Cattolici, politica e società” tenuto da Ferruccio de Bortoli, già direttore del Corriere della Sera e de Il Sole 24 Ore, oggi presidente della Casa Editrice Longanesi, alla prima edizione delle “Conversazioni a Spello”, volute dall’Azione cattolica italiana, con la collaborazione dell’amministrazione della cittadina umbra, allo scopo di offrire occasioni di dibattito culturale, religioso e sociale presso Casa San Girolamo: casa di spiritualità dell’Ac italiana, luogo privilegiato per la formazione alla fede e al dialogo con il mondo. Un impegno per cattolici: “La difesa dei valori repubblicani. Ridare sostanza a un senso di cittadinanza inaridito da nuove forme di egoismo e di individualismo rese devastanti dalla Rete”.

    leggi tutto



  • Servi premurosi del popolo di Dio

    Esercizi spirituali per Assistenti di Ac e sacerdoti

    Anche quest’anno, dal 5 al 10 novembre presso Villa La Quiete (Foligno) si svolgeranno gli Esercizi spirituali per Assistenti di Azione Cattolica e sacerdoti. Una bella occasione per vivere una forte esperienza di Dio, suscitata dall’ascolto della sua Parola, in un clima di silenzio e di preghiera. Il predicatore sarà mons. Gualtiero Sigismondi, vescovo di Foligno e Assistente generale dell’Ac. All’interno, la locandina, insieme ad alcune indicazioni di massima, e la scheda di iscrizione (entro il 21 ottobre). Per ulteriori informazioni si può scrivere a segreteria.vescovo@azionecattolica.it

    leggi tutto



  • Il prete che sa ascoltare i ragazzi

    Don Tony Drazza intervistato dal settimanale «Credere»

    Secondo l’assistente nazionale dei giovani dell’Azione Cattolica, alle nuove generazioni mancano modelli di adulti cui fare riferimento. «Per questo», dice, «sogno che le parrocchie siano luogo di incontro tra le diverse età della vita».Tra un anno, nell’ottobre 2018, si aprirà la 15ª Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi che metterà a tema «i giovani, la fede e il discernimento vocazionale». In preparazione a questo importante evento ecclesiale, il settimanale «Credere» pubblicherà periodicamente storie che vedono protagonisti i giovani e chi si occupa di pastorale giovanile. Nel numero in edicola questa settimana, si parte con la bella intervista di Francesca D’Angelo al nostro don Tony.

    leggi tutto



  • Ricalcola Percorso

    I giovani di Azione Cattolica in discernimento

    di L. Alfarano, M.Tridente, don T. Drazza - Il Sinodo che si terrà nel 2018 vuole essere il mezzo attraverso cui la Chiesa si avvicina sempre più ai giovani, proponendo come tema – caldissimo – quello del discernimento vocazionale. Anche il settore giovani di Azione Cattolica, durante i campi nazionali che si sono tenuti quest’anno ad Anagni e Fognano, ha suggerito ai molti partecipanti percorsi di discernimento, sia personale che comunitario: riflessioni accolte con entusiasmo, proprio perché nodo centrale della nostra vita, spesso bombardati da mille possibilità e dunque spaesati, in un mondo che non ha tempo per “elogiare la lentezza” del processo di discernimento. Perché riconoscere, interpretare, scegliere – i tre verbi suggeriti da Papa Francesco in Evangelii gaudium per un buon discernimento vocazionale – sono un compito che richiede tempo e silenzio per poter leggere la propria vita.

    leggi tutto